Come ho già detto, sto cercando di smettere di usare il software commerciale a favore di quello free/open source. In alcuni casi ciò comporta che i file creati nel vecchio programma debbano essere convertiti nel formato del nuovo programma. Ad esempio per importare i file docx di Microsoft Word in Open Office si può usare il plugin odfconverter.

Oggi ho cercato di importare i documenti di Macromedia Freehand in Inkscape e, solo dopo una lunghissima ricerca, ho capito come fare.

Ovviamente il formato FHX (dove X è il numero della versione di FreeHand) è proprietario e non esistono convertitori che lo digeriscano. I formati vettoriali che FH mette a disposizione per l’esportazione sono EPS, PDF ed AI (Adobe Illustrator); purtroppo non esporta in SVG (il formato standard per la grafica vettoriale utilizzato da Inkscape).
Non prendo neanche in considerazione l’idea di usare Adobe Illustrator (che dovrebbe essere anche in grado di esportare in SVG), onde evitare di macchiarmi di un ulteriore crimine informatico.

Soluzione 1: Usare AI come formato di interscambio, che Inkscape è in grado di importare nativamente.

Ovviamente, essendo la soluzione più semplice, non funziona. :) Non so quale sia il problema dato che Inkscape si limita a stampare su schermo il messaggio “Impossibile caricare il file…“.
Quindi mi metto ad interrogare l’oracolo Google per capirne il motivo.

All’inizio sono stato un po’ fuorviato perché ho letto su un sito che il miglior modo di importare i documenti di FH in Inkscape è quello di esportarli in formato EPS, formato che in realtà Inkscape non supporta. :|
Infatti, visitando il sito di Inskape, ho avuto la conferma che ancora non è in grado di importare il formato, scoprendo al tempo stesso che l’ultima versione è però in grado di importare i PDF.

Soluzione 2: Usare PDF come formato di interscambio, che Inkscape è in grado di importare nativamente.

Sembra funzionare perfettamente, ma non conserva i gruppi (che permettono di manipolare contemporaneamente molti oggetti), quindi ho continuato a cercare.
In un forum ho trovato una soluzione tampone.

Soluzione 3: Utilizzare un terzo software, ad esempio Scribus o OpenOffice Draw, come convertitore da EPS a SVG.

Ohibo! Ma è possibile che OpenOffice riesca proprio dove Inkscape dovrebbe essere più preparato?! Non c’è male ma non si può proprio fare a meno di passare attraverso un altro programma?

Continuando a cercare trovo finalmente un sito con veri esperti: il forum di Inkscape!
In un post molto specifico leggo la chiarificazione finale:

Perché Inkscape non può importare EPS?
Perché PS/EPS è un vero e proprio linguaggio di programmazione e ciò rende piuttosto difficile generare un buon risultato di conversione.
Soluzione 4
: Esistono però degli importatori, come pstoedit, che Inkscape può sfruttare. Essi sono basati su GhostScript, che è noto per essere un buon importatore. GS non fa parte di Inkscape e deve quindi essere installato separatamente.
Non c’è bisogno di inventare la ruota una seconda volta!

OpenOffice e Scribus invece l’hanno reinventata la ruota. A ‘sto punto, lo poteva fare anche Inkscape…

Prima ancora di installare GhostScript e pstoedit scopro che in realtà la libreria per la conversione in SVG è shareware e che è rilasciata in prova con “alcune restrizioni”. Provo comunque ad installarli (insieme all’interfaccia grafica GSview) per vedere in cosa consistano queste restrizioni.

Carico un EPS in GSView e noto con dispiacere che i colori sono alterati. Provo comunque ad esportare in SVG. L’esportazione ha successo (e le restrizioni che fine hanno fatto?), apro il documento in Inkscape e orrore! Il colore è ulteriormente alterato! Come se non bastasse i gruppi continuano a non esserci: tanta fatica per niente…

Non mi perdo d’animo e riprovo il procidemento di conversione partendo da un PDF: ancora colori alterati :(

Va bene, ho capito: niente gruppi. Ma speriamo almeno di riuscire a correggere questo problema del colore (magari è causa del passaggio da un set di colori all’altro) così con pstoedit posso convertire in batch numerosi file PDF in un solo colpo, naturalmente dopo aver convertito a mano tutti i file di Freehand in PDF :|

Tag:, , , , , , ,
2 Risposte a “EPS to SVG”
  1. Daniele scrive:

    Ahi ahi, che dolore il recupero di dati in formato proprietario :(

    Sarebbe facile dire che se tu avessi sempre usato formati liberi non avresti avuto questi problemi. Sarebbe facile anche dire che questa è un’ulteriore prova della prepotenza dei software proprietari, che si permettono di “sdegnare” i formati standard (ISO e compagnia). Sarebbe anche facile dire che cercando una soluzione la troverai, perché nel mondo libero non si è mai i primi ad avere avuto un problema specifico, e qualche buon’anima che condivida la soluzione che ha trovato la trovi sempre.

    Sì, sarebbe facile, ma l’essenza della vicenda resta: fare queste migrazioni è davvero una rottura di scatole e una frustrante perdita di tempo. Hai tutta la mia simpatia.

    …e mi terrorizza l’idea che prima o poi mi ci dovrò mettere anche io :( :(

  2. Valerio scrive:

    Ho passato la mattina a cercare la soluzione allo stesso problema. Quando mi sono rimesso al pc dopo pranzo, mi sono accorto che alla fine dei risultati di google c’era il tuo post.

    Io sono partito da una immagine EPS di cui non avevo l’originale e mi serviva portarla in Inkskape.
    Ho provato la conversione tramite OpenOffice ma il risultato è un’immagine raster nell’SVG: praticamente inutile quindi.
    Poi volevo provare GSView ma l’idea di compilarlo ed installarlo mi faceva venire il prurito.
    Alla fine ho optato per l’uso di pstoedit , con cui ho convertito l’immagine in un PDF, che ho facilmente importato in Inkskape.

    pstoedit -f pdf logo.eps logo.pdf

    In teoria si potrebbe far generare l’SVG direttamente da pstoedit :

    pstoedit -f plot-svg logo.eps logo.svg

    ma nel mio caso non ha funzionato (il risultato era un quadrato bianco).

  3.  
Scrivi un Commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="" highlight="">